Categories
Cultura Digitale e Social Media

Organizzare concorsi nell’era dei Social Media

Negli ultimi anni, il fenomeno dei contest online è letteralmente esploso, tant’è che molti brand ormai organizzano periodicamente concorsi forzando, spesso, anche il legame con i propri prodotti.
Partiamo da un esempio recente, girando per la Rete mi è capitato di imbattermi in un Ad relativo all’ultimo concorso organizzato da Citroen Italia: Citroen Sensation Stories. Non voglio sicuramente fare banale retorica né accanirmi contro chi fa il mio stesso lavoro, voglio costruttivamente partire da un esempio pratico per analizzare più nel dettaglio alcuni requisiti legali necessari per poter indire un concorso e dimostrare quanto sia complesso in Italia.

Nel caso in oggetto, prendere nota:
Se pensate a un concorso basato sull’immissione di video e usate YT come repository: tenete conto del rischio di violazione dei diritti di copyright sulle colonne sonore utilizzate dai partecipanti…
Citroen sensation stories

Purtroppo le variabili da tenere in considerazione nell’organizzazione di un concorso on-line non sono solo di natura tecnica (Meccanica concorsuale, integrazione con i canali social e, più in generale, processo di partecipazione e gestione dei dati in DB), ma ci sono anche infiniti vincoli legali a cui fare molta attenzione.

Se state declinando un contest internazionale in Italia, ad esempio, lo stesso deve avere una fetta di premi solo per italiani (partecipanti che risiedono su territorio nazionale). Va pertanto stilato un regolamento ad hoc per i soli italiani e tenute in considerazione un bel po’ di regole.

Ecco alcuni piccoli dettagli che è bene tenere in considerazione nella definizione di un concorso:

  • il regolamento in italiano va depositato presso il Ministero dello Sviluppo Economico insieme alla fideiussione (la fideiussione, pari al 100% del valore del montepremi, serve come garanzia che il promotore possa di fatto erogare i premi e coprirne i costi) del 15 gg prima dell’avvio del contest (questo termine è però eludibile con una sanzione ci circa 1.000€);
  • la giuria o estrazione andranno effettuate per i soli italiani in Italia e solo alla presenza di un funzionario camerale/notaio. Un trucco è di prevedere sempre, anche in caso di vincitori multipli, che le estrazioni vengano eseguite in un giorno prestabilito in modo da dover pagare il funzionario camerale solo per una trasferta;
  • il server di gestione dei dati del contest italiano dovrà essere in Italia (il database utenti dovrà quindi necessariamente essere hostato in Italia);

Poi, se volete far vivere il concorso anche su una tab Facebook (in questo caso non sarà possibile accedervi da Mobile), ricordate che:

  • la partecipazione tramite Facebook, se state pensando di implementare un widget Facebook connect, è consentita solo se i partecipanti sono già iscritti al social alla data di avvio del concorso e non vengono utilizzate le funzioni FB (non potete, ad esempio, legare il concorso al numero di like effettuati su un determinato contenuto).

So che i tempi spesso non consentono di tenere in considerazione tutte le variabili del caso e non permettono nemmeno di testare le applicazioni e le meccaniche concorsuali a sufficienza, ma attenersi a queste fondamentali regole impedirà almeno di rischiare di incorrere in una sanzione che può arrivare a 500.000 € di multa per i requisiti legali o la chiusura forzata dell’applicazione da parte di Facebook nel caso in cui non vi siate attenuti ai dictat tecnici della piattaforma.

By Duderinaldi

I'm an all-rounded digital strategist, currently heading Digital Innovation at the iconic luxury brand Versace. Since 2018 I've extended my scope beyond Marketing supporting both Industrial Operations and Corporate in complex digital transformation projects with a strong track record of efficient, sustainable and business value-increasing initiatives.
My background includes over 12 years in globally-renowned integrated agencies with focus on planning, strategic execution, digital communication and consumer experience for a wide range of brands and product categories such as Ford Motor Company, Toyota, Adidas, Jaguar & Land Rover, Mattel, Sony Playstation, Vodafone, Sky, Procter & Gamble and Microsoft.

One reply on “Organizzare concorsi nell’era dei Social Media”

Lettura interessante. Volevo segnalare Wishpond, una piattaforma che è specializzata proprio in app per realizzare concorsi online, su http://www.wishpond.it

Le app hanno anche una funzione di analytics per analizzare le caratteristiche dei partecipanti e realizzare mailing-list per futuri contatti.

Post a comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s